Caricando...

Mili

MILI, LA BELLEZZA IGNOTA DI NASSO
Una terra che non offende l’estetica, tutto il contrario, l’ atmosfera nei tre piccoli villaggi dei Mili (=mulini), collegati tra loro con un percorso meraviglioso, i vecchi mulini d’acqua con degli enormi canaletti, il vecchio acquedotto con le bellissime cascate, il sentiero pittoresco tra gli orti, i platani, gli oliveti e i corbezzoli, i pochi abitanti del villaggio, bonari e gentili. Tutti questi elementi con-tribuiscono a creare un viaggio indimenticabile. Il visitatore non ha bisogno di guida, basta seguire il percorso dell’ acqua che passa da Kournohori e giunge a Mili e da lì all’ antico santuario delle sorgenti ed agli antichi kouri di Melanes. Il nome deriva dagli antichi mulini ad acqua che sono ubicati lungo il percorso delle acque. Il villaggio è diviso in tre zone: Kato Mili, Mesei Mili e Pano Mili che a loro volta appartengono al sestiere di Melanes, sulla parte Sud-Est della valle omonima.
Kato Mili: nel primo villaggio il visitatore incontra una scena veramente originale per chì vive nella città; come se il tempo fosse fermato centi anni fa… Case basse ad un piano con dei cortili vuoti, senza uomini, monumenti di epoche remote. Una o due stanze strette per servire i bisogni della famiglia con tanti figli, l’una è il maeriò (cucina) e la camera di accoglienza, e l’altra la camera da letto della casa. Fuori della casa, nel cortile che è più ampio, un’ulteriore stanza, la cosiddetta matzès o mitatos ove sono tenuti gli animali domestici, e il furnariò sono i locali accessori della casa.
Mesei Mili: nel secondo villaggio il visitatore può distinguere un’altra epoca più vicina, quella dgli anni ’30. Un gruppo di case   a due piani, 5 o 6 in totale, cercano di proteggersi stando l’una accanto all’ altra, come se sentissero l’angoscia del profilato abbandono. Quì mancano i veicoli e quindi il sentiero lastricato imbiancato mantiene la sua bellezza per parecchio tempo a cura anche dell’ anziana casalinga dei Mili. Bellezza ed estetica sono l’ eredità innata nelle casalinghe del villaggio. Tende fatte a mano coprono le finestre, mentre merletti eccezionali addornano la casa.
Pano Mili: seguendo di nuovo il percorso delle acque le viste della natura che il visitatore scopre sono veramente singolari. D’ altronde, quì l’elemento dell’ acqua è prevalente. Il fascino delle cascate con il movimento perpetuo delle acque, progettati dalla natura nell’ultimo dettaglio creano momenti di incanto. Nel villaggio di Pano Mili coesiste il vecchio con il nuovo. Ci sono iniziative già in corso atte alla manutenzione e restauro di parecchie case, ma con passione, affetto e rispetto per la tradizione. Quì vale la pena, seguendo il sentiero tradizionale e sempre mantenendosi accanto al percorso delle acque, di visitare Fleriò, la continuazione di un percorso di bellezza naturale inesauribile.     
Giornale “Melanitikes Ores”
   
   
   
   


Sign up for our newsletters!

The weather now: